Il Comitato dice «no» alla privatizzazione

La società Terme di Saturnia ha dichiarato il 30 ottobre 2019 (leggi qui) di voler realizzare un progetto nell’area delle Cascate del Mulino, detto «Bosco Sacro». L’esigenza della gestione privata nascerebbe dalla presenza continuativa (ma non supportata da dati) di «scambisti e spacciatori». Il Sindaco del comune di Manciano non ha fatto nulla per contrastare queste dicerie deleterie.

Il Comitato #SaveSaturnia si oppone vigorosamente alla privatizzazione dell’area e all’atteggiamento connivente della Giunta comunale. Anche se riconosciamo gli effetti negativi causati dall’assenza di regolamenti, crediamo che il sito debba rimanere pubblico. Il Comitato sta elaborando dei progetti alternativi per arginare i problemi legati al traffico e all’incuria.

Nasce il comitato #SaveSaturnia

A partire dall’autunno 2018 la Giunta comunale di Manciano ha dichiarato di voler costruire un parcheggio nella piana di Saturnia. Secondo la Giunta, costruendo tale area di sosta si sarebbero ridotti il traffico e i parcheggi in sosta vietata. Un gruppo di cittadini, allarmato dalla possibile cementificazione, ha deciso di proporre dei progetti alternativi per la gestione del traffico.

La Giunta non ha mai considerato queste proposte. Per questo motivo, il 3 novembre 2019 si è costituito ufficialmente il Comitato #SaveSaturnia, il cui scopo è la salvaguardia naturalistica delle Cascate del Mulino e delle zone circostanti.